Un povero derelitto

neem keroli baba

« Tutto appartiene agli dei; i sapienti sono amici degli dei; i beni degli amici sono comuni. Perciò i sapienti posseggono ogni cosa »
(Diogene di Sinope, citato da Diogene Laerzio)

Tutti al villaggio mi chiamano il pazzo. Come biasimarli? Se io mi vedessi da fuori probabilmente mi darei lo stesso nomignolo. Guarda quello con vesti stracciate, buttato li in mezzo alla strada, guarda che derelitto! Questo é quello che penserei tornando a casa dalla mia mogliettina, tutto bello vestito, con le mie scarpe di cuoio nere, la mia camicia azzurra e ed una ventiquattrore scintillante portata come uno scudo, quasi dovesse difendermi agli incontri di lavoro quando dico di essere un esperto nella mia materia. Eppure é proprio qui che sta la differenza tra me ed il mondo di tutti i giorni: io so di non sapere. E non é solo qualcosa che ho letto in un sussidiario a scuola in chissà quale vita io prima facessi. No, io questo lo so davvero! Il mio é un non-sapere che mi si é infilato sottopelle. Lentamente, da quando l’ho iniziato a concepire, questo mio stato di ignoranza intrinseca ha scavato il mio sguardo, si é fatto spazio tra le mie gengive ed ha creato calli sulle mie mani. Il non-sapere mi ha modellato in pieno, quasi fossi una sua scultura ed il mio pensiero lineare non avesse più nessun diritto di voto in materia. Eppure, nonostante le difficoltà che sapere questa verità mi ha dato, io non posso che ribadirlo: l’uomo di per sé non sa niente di niente. In questo io posso dirmi il più umano di tutti, o per lo meno il più onesto sulla mia vera condizione. Se guardo indietro é stato proprio questo non-sapere che mi ha salvato da una vita che altrimenti sarebbe stata per me più grigia dei miei stessi capelli. Sin da quando ho memoria é stato proprio come se per me l’innocenza del non-sapere fosse l’unico elemento in cui mi fossi mai potuto davvero trovare a mio agio. Questa mia totale mancanza di direzione nella vita, e sopratutto la mia mancata pretesa di averne mai avuta una, é stata, in ultima analisi, la mia più grande benedizione. Per questo Benedetto é il nome che ho dato al mio cuore. Questo é infatti l’unico nome tra i tanti che mi sono stati appioppati in cui io mi sia mai riconosciuto. Il motivo é che non mi é stato lanciato addosso in condizione predefinite, bensì questo nome mi é semplicemente salito su, in un giorno come un altro, come se all’improvviso quello che io ero sempre stato, ma che tutti mi tenevano nascosto, si fosse semplicemente deciso a manifestarsi. Fu li che persi del tutto ogni tentazione di immaginare come potessero essere la vite degli altri. Vite in cui tutto sembrava scorrere secondo schemi precisi in un ordine scandito in chissà quale concilio passato e di cui neanche i bibliografi ormai si ricordano più. Mentre io mi trovo bene solo in questo mio nulla. E questo perché in questo nulla io non ho più alcun confine. Tutte le lacrime che ho versato in vita mia li vengono lavate via ed a modo loro acquisiscono un senso. Poco importa che il mio odore sia ammorbo, o che il mio aspetto inciti le madri a tirare a se i bambini quando mi passano davanti per strada. Io so che il mio vero profumo é quello del Supremo. Io, in fondo, so che chi guarda dietro a questi occhi é l’innocenza stessa del cielo. Perché alla fine, se il cielo non fosse innocente come farebbe ad accettare l’alternarsi del Sole e delle nuvole, o dei tuoni e della rugiada che li segue? Gli uomini, aihmé, sono invece diventati creature ancora più complicate e rifuggono dall’apparente fragilitá dell’innocenza. Quando guardano al mondo loro pensano che sia un groviglio complesso di materia governato da leggi inesplicabili che prima o poi li schiaccierá e che loro non riusciranno mai a comprendere. Ció che mi hanno insegnato i miei sessantadue anni su questa sfera rotante, invece, é che l’unica cosa che valga davvero la pena comprendere é la semplicitá delle cose. C’é una certa economia nelle leggi di questa vita. Anche quando le cose sono complesse, la grandezza della ragione che muove il mondo ha fatto si che diventino cosi’ complesse da tornare semplici. E quindi cosa c’ é da capire? Chi ha capito questo ha capito giá tutto. Ogni regola, per cosi’ dire, non puó che essere semplice. Se non é semplice la regola é sbagliata. Questa é stata, per me, la ragione di intraprendere la vita che ho scelto. Stá piovendo? Forse mi bagno. Fa freddo? Tremo. Passa un bambino che mi lascia una moneta? Sorrido. Certo, non é cosí che la vedono molti altri miei colleghi, ma che dire? La prendono dal punto di vista sbagliato. E poi questo silenzio che sale su quando uno le storie le ha viste tutte: belle, brutte, con emozioni, amori, ritrovi d’amici ed abbandoni. Per me sono tutte nuvole davanti al cielo. Mi fanno compagnia, a volte mi fanno ridere, a volte piangere. La verita’ é che tutte passano. Solo il cielo é reale. Come avrei potuto io, sapendo questo, tenermi addosso una vita chiamata normale, quando la verita’ é che cio’ che sembrano rigidi castelli di pietra sono in realta’ ammassi di sabbia? Per me ció che é vero é che io sono Amore e l’amore é liquido. Se prende una forma lo fa per un pó, ma é solo uno scherzo, non ci crede davvero. E poi devo dire, che conforto sapere che quando verrá la mia ora non lasceró alcuna traccia. Che liberazione, davvero! Quindi se voi proprio davvero volete ricordarvi di me, ricordatemi come Benedetto, e sopratutto, ricordatevi ció che ha detto il poeta: “Non chiedete consigli al cielo, lui ne sa ancora meno di noi”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s